1/5
2/5
Markus Prackwieser
Il vignaiolo

Il vignaiolo

L’Azienda agricola Gump Hof, menzionata già in alcuni documenti del 1546, è di proprietà della famiglia Prackwieser da oltre due secoli. A metà degli anni Novanta, Markus scopre la sua passione per il vino e nel 2000 il padre Johann gli affida lo storico podere familiare.

Lo scambio con gli amici e colleghi viticoltori del “Trio vinicolo”, così come i tour alla scoperta di regioni esemplari quali la Wachau, la Borgogna o la Valle della Loira, con l’emozionante visita dell’indimenticabile Didier Dagueneau, contraddistinguono l’attività del Gump Hof, sempre incline alla sperimentazione.

Il know-how acquisito generazione dopo generazione, l’esperienza personale, il tempo e la pazienza, così come il costante affinamento di un sapore dal carattere individuale, lasciano fluire nei vini l’anima del paesaggio e del viticoltore.

3/5
Il vigneto
Il vigneto

Il vigneto

I ripidi vigneti del Gump Hof, orientati a sud-ovest con una pendenza del 50–70% a circa 400–550 m d’altitudine, sono perfettamente assolati e costituiti da ghiaia d’origine fluviale. Questi terreni morenici calcarei si estendono sul solido porfido quarzifero di Bolzano, offrendo le condizioni migliori per le varietà di vino che vi vengono coltivate.

A dare origine a vini particolarmente complessi e dall’affascinante freschezza contribuiscono la peculiarità di queste posizioni e l’avvicendarsi dei venti: durante il giorno, dal Lago di Garda soffia l’Ora, portando con sé un clima mediterraneo, mentre di notte i vitigni vengono rinfrescati dai venti discendenti dalle Dolomiti. Non c’è da meravigliarsi se su queste ripide pendici della Valle Isarco meridionale, alle falde del massiccio dello Sciliar, la viticoltura vive un periodo d’eccellente rinascimento.

4/5
Il maso
 

Il maso

Il Gump Hof sorge lungo la rotta medievale che collegava il nord e il sud delle Alpi ed è legato alla storia di Castel Presule. Alcuni affreschi nel cortile interno della fortezza ritraggono un’illustre compagnia di cavalieri, principi e nobili, che la raggiunge a cavallo attraversando i versanti alpini della gola dell’Isarco.

Qui diffusero i loro messaggi e le loro storie anche bardi come Oswald von Wolkenstein, che cantarono le donne, il vino del maso e gli uccelli, simbolo di belle arti, leggerezza e freschezza. Ciò contraddistingue ancora il maso con il suo rispettoso rapporto verso l’ambiente circostante, la scelta dei vitigni tipici e i classici metodi di coltivazione, grazie alla cura e alla preservazione di un dispendioso lavoro manuale.

Infine, la cantina scavata nella roccia primitiva non solo si integra perfettamente nel paesaggio, ma offre anche le condizioni ideali per l’affinamento dei vini.

5/5
I vini
  • Pinot bianco
  • Sauvignon
  • Gewürztraminer
  • Pinot nero
  • Schiava
  • Pinot bianco
  • Passito

300 giorni di sole all'anno,
ricchi suoli porfirici,
il frinire dei grilli
e il vento delle Dolomiti.
Ecco ciò che si cela nei vini di Markus Prackwieser.

Il Pinot bianco „Mediaevum“

è un ottimo vino per tutti i giorni con discrete note di pesca tabacchiera bianca, per un calice piacevole e gioioso.

Scheda tecnica – Italiano (628 KB)

La Schiava „Mediaevum“

è un buon vino rosso, accompagnamento ideale di pietanze leggere che affascina con i suoi delicati sentori di ciliegia.

Scheda tecnica – Italiano (621 KB)

Il Pinot bianco „Praesulis“,

è un vino complesso e molto elegante, che mostra la sua ecletticità solo dopo una lunga ossigenazione in un grande calice da Pinot. È il compagno ideale dei pasti.

Scheda tecnica – Italiano (661 KB)

Il Sauvignon „Praesulis“,

presenta raffinati e succulenti aromi fruttati con un’individuale nota d’agrumi, è delicatamente saporito e dal retrogusto molto persistente.

Scheda tecnica – Italiano (685 KB)

Il Gewürztraminer "Praesulis"

è un vino dalla straordinaria gamma aromatica, che spazia dai tipici fiori di rosa alle note di litchi. Viene affinato secco.

Scheda tecnica – Italiano (678 KB)

Il Pinot nero „Praesulis“,

il più giovane della famiglia, è la nuova sfida che ammalia con i suoi raffinati aromi e una “fragranza alpina” contraddistinta dai venti catabatici.

Scheda tecnica – Italiano (672 KB)

Il Pinot bianco „Renaissance“

viene prodotto dal 2012 e solo in anni particolari, dopo un lungo invecchiamento in botti, come riserva. Ha un grande potenziale di sviluppo.

Scheda tecnica – Italiano (717 KB)

Il „Tandaradei“

è composto da tutte le varietà di uve bianche delle varie aree di coltivazione del Gump Hof, che gli donano sapori complessi e una nobile dolcezza. Questo vino dalla capacità di conservazione illimitata deve il suo raffinato equilibrio e la perfetta armonia alla pregiata struttura acida, cui hanno contribuito l’altitudine e il clima fresco del vigneto.

Scheda tecnica – Italiano (562 KB)

Contatto
Markus Prackwieser
Gump Hof

Novale di Presule, 8I-39050 Fiè allo Sciliar
Tel & Fax: +39 0471 601190 / Cellulare: +39 335 1293915
info@gumphof.it